[Tutorial] Come districare le parrucche

Che meraviglia le parrucche, vero ? *^* Ti permettono di cambiare look facilmente ed essere il personaggio che ami ogni volta che vuoi!
Ma magari dopo giornate in fiera particolarmente intese,  set all’aperto o molto movimentati, le parrucche (soprattutto quelle lunghe) si annodano in maniera incredibile, diventando stoppose ed indomabili. Arrivati a quel punto, o si buttano, o ci si rimbocca le maniche per sistemarle.

Vi do un paio di consigli preliminari per la manutenzione generale delle parrucche:

    1. Lavate le parrucche con shampoo (quelli più delicati sono quelli per bambini e alcuni per capelli colorati). Servirà principalmente a pulire la retina da sudore, trucco etc.
    2. Evitate di lavare le parrucche con il balsamo, tende a rendere le fibre più luccicose rispetto all’ammorbidente che le rende morbide ma vellutate.
    3. Controllate sempre se sono termoresistenti prima di usare la piastra sennò rischiereste di danneggiare irrimediabilmente sia la vostra piastra che la parrucca.
    4. Al momento di conservarle dopo averle usate, date una leggera spazzolata, dividete i capelli, fate una treccia bella larga e chiudetela con un elastico poco stretto non troppo vicino alle punte, così eviterà di scompigliarsi ancora di più dentro la busta.

Io in questi anni ho trovato il mio metodo per districare le parrucche, che per quanto laborioso, da risultati abbastanza discreti.

Avremo bisogno di:

  • Il topo morto da rimettere a nuovo Parrucca
  • Testina
  • Spilli
  • Pettine(sia a denti larghi che medi). MAI USARE PETTINI A DENTI STRETTI
  • Spruzzino/ Contenitore con erogatore spray (potete usare tranquillamente vecchi contenitori di vetril  e simili (ben puliti prima) o comprarne uno apposito.
  • Acqua
  • Ammorbidente

 

PROCEDIMENTO

Piazzate la parrucca saldamente alla testina in polistirolo piazzando vari spilli al centro della parrucca, così che non scivoli facilmente via.

Preparate la miscela di acqua e ammorbidente in proporzione 2:1 ( 2 parti acqua e 1 ammorbidente). Se pensate che mettendo più ammorbidente, più morbida e bella verrà la parrucca, sbagliate, rischierete solo di lasciarla untuosa alla vista e al tatto, già testato. Quindi, a mio parere, questa è la proporzione migliore per quanto riguarda il risultato finale.
Personalmente, preferisco usare il dosatore dei detersivi in polvere per fare questo procedimento dal momento che sono tutti graduati ed è più facile tenere un riferimento. Una volta preparata la miscela, mescolatela con movimenti circolari/delicati(nel recipiente dove state tenendo le proporzioni o  una volta trasferiti nello spruzzino), non scuotere come una bomboletta spray.

Cominciate pettinando delicatamente tutte le punte e spruzzate poco alla volta il liquido, continuando a pettinare finchè le punte siano districate decentemente. Adesso dividete la parrucca in 6 (o più sezioni, a seconda della fortezza della parrucca) e lavorate spruzzando la miscela e pettinando sempre dalle punte verso la retina. Ci vorrà un bel po di olio di gomito ed un pomeriggio libero ( questa parrucca nelle immagini è lunga 130cm e mi ha fatto perdere intorno alle 4 ore e mezza). Una volta finito, pettinate tutto insieme, così da sciogliere ulteriori piccoli nodi che magari sono rimasti.

Non preoccupatevi se nel procedimento la parrucca perderà molti capelli, ma sono dovuti alle fibre che si spezzano per via degli indomabili nodi da districare; questa ad esempio è la matassa  che ne è uscita dalla mia.

Una volta asciutta il risultato è questo qui

Come vedete, la mia parrucca (che era più un topo morto che altro) nonostante tutto, ha le punte molto rovinate. Sapendo che è di kanekalon (resistente al calore) ho passato la piastra (intorno ai 150°) su grandi sezioni senza tirare i capelli ed alla fine, ho dovuto tagliare le punte ormai irrecuperabili.
districare parruuca tutorial wig untangle ita italiano

 

Spero che possa esservi di aiuto! Per qualsiasi dubbio o altro, non esitate a contattarmi 😉